Volume commerciale

I substrati (ma anche gli ammendanti, per uso hobbistico e le cortecce) vengono commercializzati in volume, per questo si parla di volume commerciale, ovvero di “quantità venduta”.

Ma come si determina il volume commerciale?

Il primo elemento da considerare è che questi prodotti sono materiali compositi, costituiti cioè da una fase solida (solidi incoerenti), una liquida (acqua in quantità variabile) e una aeriforme (macro e microporosità). Se fossero solidi o liquidi misurarne il volume sarebbe facile, perché corrisponderebbe al volume della confezione e come unica incertezza dovremmo considerare la temperatura di misurazione, ma con un terriccio questo è impossibile. Il secondo è che i terricci sono materiali, per loro natura, più o meno compatti e comprimibili. Se vengono schiacciati cambiano volume.

Per questo motivo sono stati sviluppati e standardizzati metodi specifici di misurazione che consentono la determinazione ripetibile del volume e quindi il  controllo della quantità effettivamente commercializzata (sia confezionata che sfusa).

Il metodo, che permette di determinare la quantità, e quindi il volume, è l’UNI EN 12580 (standard europeo) e si applica a materiali in forma solida eventualmente da rigenerare, ma non venduti sotto forma di blocchi. Il metodo non è idoneo per materiali con più del 10% (v/v) di particelle con dimensioni superiori a 60 mm (per i quali esiste un metodo specifico). La procedura prevede la determinazione della massa volumica apparente (peso specifico) e quindi da questo valore, il calcolo del volume. Per determinare la massa volumica apparente il materiale viene disgregato, attraverso il passaggio da un setaccio, e pesato in contenitore di volume noto (cilindro da 20 litri).

PROCEDURA ANALITICA
Pesare la confezione, rinvenire il prodotto, seguendo le indicazioni del fabbricante (arieggiare, miscelare), prelevare un campione. Il campione viene fatto passare a caduta attraverso il setaccio (la scelta della griglia del setaccio dipende dalla granulometria del campione) fino a riempire il dispositivo al limite superiore del collare. Si rimuove il collare, livellando il materiale all’altezza del cilindro da 20 litri e si effettuano le pesate.

La metodica completa è acquistabile sul sito web UNI www.uni.com

Norma numero : UNI EN 12580
Titolo : Ammendanti e substrati di coltivazione – Determinazione della quantità
Sommario: La presente norma è la versione ufficiale in lingua inglese della norma europea EN 12580. La norma specifica i metodi per la determinazione della quantità di ammendanti e substrati di coltivazione sfusi e confezionati. Questo è un metodo di riferimento, progettato con un livello di precisione adeguato tale da essere utilizzato per validare qualsiasi dichiarazione sulla quantità.